Oggi parliamo della laccatura legno: come laccare legno fai da te

Su focusdomus oggi parliamo di laccatura legno e come laccare legno con il fai da te. In tanti hanno la passione di recuperare vecchi oggetti esiliati da tanto tempo in soffitte e cantine per ridare loro nuova vita. Avviene soprattutto con i mobili in legno antichi o che fanno parte del nostro passato.

L’arte del restauro non è una cosa banale perché richiede una tale dimestichezza con i materiali da usare e una discreta manualità oltre che tanta pazienza e passione. Ma i risultati sono spesso inaspettati e le soddisfazioni personali impagabili. Di frequente i mobili appaiono usurati e mancanti di alcune parti ed allora è necessario riparare le lesioni prodotte dai tarli o dalle condizioni di conservazione.

Quando si effettua un restauro di un mobile in legno occorre seguire le fasi principali della risistemazione, vale a dire nell’ordine pulitura, trattamento biocida, stuccatura e tinteggiatura. Quest’ultima altro non è che la laccatura del legno, un svolgimento che regala al mobile una nuova luminosità e un colore scintillante.

Procedura per laccare il legno: come eseguire a modo la laccatura legno di un mobile

laccatura del legno

Prima di procedere a laccare il legno è meglio iniziare con il liberare il mobile da restaurare dalle maniglie e dai componenti che si possono smontare. Questo lo proteggerà da eventuali danni generati da prodotti aggressivi che utilizzeremo nelle varie fasi del restauro.
La fase della laccatura legno è sempre preceduta da un trattamento a base di prodotti conservativi, adatti a mantenere e conservare sano e in buono stato il mobile nel tempo.

Leggi anche:  Cementite per legno: utilità, caratteristiche e come usare la cementite su legno

Si prosegue poi passando la carta abrasiva per eliminare le asperità e anche i minimi dislivelli sulla superficie del mobile che stiamo trattando. Non ci dobbiamo scordare di pulire bene tutte le parti del nostro mobile in legno con un panno pastoso permeato di alcool.
A questo punto si allarga su l’intera struttura la cementite per legno, con l’ausilio di un pennello, e si lascia asciugare.
Successivamente si rimuove nuovamente, usando ancora la carta abrasiva. Indubbiamente rimarranno dei piccoli residui di polvere che vanno tolti con uno straccio asciutto.

Si va avanti poi con un trattamento composto di olio di lino che va steso con un pennello in modo da rendere lucido l’intera superficie. La prima laccatura del legno si realizza con una mano di vernice da stendere sulle parti più grandi, poi su piedi, angoli e cassetti.
Questa manovra va riprodotta più volte, per più giorni consecutivi, in maniera da acquisire un colore molto vicino a quello naturale del legno.

L’occorrente per laccare il legno

Per finalizzare il processo di laccatura del legno in maniera perfetta occorre attrezzarsi di tanta pazienza, di uno spazio agevole, dei prodotti corretti e degli attrezzi giusti.
Bisogna tenere a mente che la tecnica della laccatura del legno può essere adoperata sia per arredi in legno massello che per elementi in truciolare o in laminato.
Prima di procedere a laccare il legno c’è da preparare tutto l’occorrente necessario, ovvero il materiale essenziale:

  • telo protettivo per proteggere lo spazio di lavoro da eventuali tracce di vernice pennelli
  • carta vetrata a grana di diverse consistenze
  • panno per rimuovere la polvere
  • vernice acrilica all’acqua o smalto per laccature legno
  • olio di lino cotto
Leggi anche:  Arredare casa, qualche consiglio!

Laccatura del legno, preparare il mobile per laccare il legno

laccare legno

Iniziamo, una volta preparato tutto l’occorrente, si deve preparare la superficie del mobile da trattare. Si inizia con il levigarlo con la carta vetrata a grana grossa che rimuove tutte le imperfezioni più grossolane come macchie di vecchie vernici o difetti di produzione di legno.
Al termine di questo primo passaggio è la volta della carta abrasiva a grana fine, preziosa per levigare ed eliminare anche i più piccoli segni rimasti dopo il primo passaggio. Dopo il doppio passaggio di carta grossolana e fine eventuali imperfezioni saranno invisibili dopo la verniciatura.

La levigatura è un’operazione sufficientemente delicata, che va espletata nel senso delle venature del legno. Si mette in pratica anche su mobili in laminato, con movimenti precisi e lineari. Al termine di questa fase è raccomandato il passaggio di un panno pulito imbevuto di alcool per eliminare la polvere. Non compierlo significherebbe andare a verniciare su una superficie poco pulita.

Applicazione della vernice nella laccatura del legno

Quando arriva il momento della verniciatura del mobile si sceglie il tipo di vernice da utilizzare e la colorazione.
Se la scelta viene orientata verso la vernice acrilica all’acqua, per ottenere un risultato omogeneo bisogna evitare di accumulare le pennellate e seguire il medesimo senso di verniciatura.
I risultati con questo modello di colorazione saranno fantastici. Dopo l’asciugatura della prima mano e fatta asciugare occorre passarne una seconda e poi trattare la superficie con la finitura a base di olio di lino cotto e tampone.

Lo smalto a solvente é una valida alternativa, più brillante e lucido, per risultati di una finitura molto robusta e compatta. In questo caso non serve procedere successivamente con la lucidatura a base di olio di lino cotto.

Leggi anche:  Il significato dei simboli sulla lavatrice

Laccatura legno dei mobili fai da te. Laccare il legno

L’ultima fase del ciclo di restauro del nostro mobile in legno é la laccatura. Dopo la verniciatura del mobile bisogna pazientare e va lasciato asciugare almeno per un giorno prima di procedere con la lucidatura finale. Questo trattamento è quello che ridarà al vostro vecchio oggetto un aspetto laccatura legno lucida.

Si procede poi con la miscela d’olio di lino cotto e si scioglie della gommalacca per poi passare il composto con un tampone su tutta la superficie del mobile che stiamo terminando.

Può andar bene anche un panno di cotone usato ma pulito cosicché non ha più pelucchi o filamenti da perdere sul mobile. Il prodotto deve essere allungato con un andamento rettilineo per evitare di passare più di una volta sulla parte già trattata.
Per i tratti più difficili da raggiungere e trattare si può utilizzare un pennello piatto.

A questo punto quando il mobile é pronto, lo lasciamo asciugare ben benino. Alla fine per arrivare ad avere un bellissimo effetto a specchio si passa una paglietta molto fine fatta in acciaio. Finalmente si esegue di nuovo una stesura di gommalacca ed olio di lino cotto come quella precedentemente passata.

Abbiamo terminato il lavoro di laccatura del legno e raggiunto il risultato finale desiderato: il mobile vintage è tornato alla sua antica bellezza e splendore.

Se ti è piaciuto questo articolo sul laccare il legno, leggi anche il nostro articolo sulla sanificazione parquet, sulla comodità dei bocchettoni messicani o sull’importanza dell’altezza piani cucina.

Approfondisci qui sulla laccatura legno.