Un rubinetto a manopola non è molto comune al giorno d’oggi, tuttavia alcune abitazioni ancora lo possiedono. Questo potrebbe presentare diverse problematiche, che renderebbero necessaria la  sostituzione, oppure il semplice smontaggio per poterlo ispezionare al meglio dall’interno.

Per poter eseguire un intervento fai da te, saranno necessari soltanto alcuni piccoli accorgimenti, volti a non danneggiare l’intero sistema: con questi consigli, sarà possibile evitare di spendere troppo denaro anche nella semplice sostituzione del rubinetto a manopola.

Vuoi scoprire com’è possibile smontare un rubinetto a manopola in modo da permettere agevolmente la sostituzione? Ottimo, allora non possiamo fare altro che consigliarti di proseguire nella lettura del nostro articolo, in cui stiamo per analizzare tutti i passaggi che devi portare a termine per poter effettuare questa tipologia di intervento.

Ti auguriamo una buona lettura!

Come sostituire un rubinetto a manopola

Smontare un rubinetto a manopola non è troppo complicato. Segui i consigli dei tecnici di idraulicomilanoeprovincia.it, un’azienda di professionisti del settore, e scoprirai come sia sufficiente un po’ di manualità e predisposizione al fai da te per poter effettuare tale processo in maniera agevole ed efficace.

In primo luogo, prima di iniziare l’intervento, bisognerà chiudere l’alimentazione dell’acqua, così da evitare delle perdite. Qualora si disponesse di una valvola che alimenta solo il lavandino, potrai chiudere solo quella; altrimenti dovrai disattivare l’acqua in tutta la casa, dal contatore generale.

Dopo aver effettuato questo passaggio, è consigliabile svuotare l’impianto, eliminando totalmente la pressione che tipicamente si trova nei tubi per il funzionamento dell’impianto idraulico.

Dopo aver fatto ciò, bisognerà svitare entrambe le manopole, sia quella del caldo che quella del freddo. Vi troverete quindi di fronte a delle viti, dopo aver scoperchiato anche le borchie. Bisognerà quindi svitarle, per poter staccare la valvola in ottone tipica del rubinetto a manopola.

Leggi anche:  Asciugare a tamburo. Il significato dell'asciugatura a tamburo

Nella fase successiva ci si troverà di fronte all’intero impianto, con tutti gli elementi che lo compongono: bisognerà in tal senso individuare la problematica, oppure smontarle tutte facendo uso di un cacciavite per poter sostituire integralmente il rubinetto a manopola.

Dopo aver posizionato quello nuovo, bisognerà effettuare il processo al contrario per poter rimontare tutto il rubinetto a manopola, per poi riaprire l’acqua.

Smontare un rubinetto a manopola: richiedere l’aiuto del tecnico

Seppur l’intervento di smontare un rubinetto a manopola non sia particolarmente complesso, può capitare di ritrovarsi nella situazione in cui questo non si riesca ad effettuare.

Per poter evitare di danneggiare l’intero sistema idraulico, magari applicando troppe pressioni al rubinetto a manopola, è sempre un bene contattare un esperto che possa essere in grado di scoprire cosa non va e risolvere la problematica al meglio.

Leggi anche:  Effetto cracklè su legno: pitturare un mobile per renderlo antico

Conclusioni

Siamo così giunti al termine del nostro articolo, in cui abbiamo avuto modo di analizzare nel dettaglio tutto ciò che devi assolutamente conoscere per poter effettuare questa tipologia di intervento, ovvero quello di smontare un rubinetto a manopola.

Sono differenti le motivazioni per cui questo intervento potrebbe rivelarsi necessario, e con alcuni accorgimenti, potrai evitare di contattare un idraulico e spendere denaro. Qualora però non riuscissi nel tuo intento, anche con il supporto della nostra guida, consigliamo di richiedere l’aiuto di un professionista, che potrà eseguire controlli più approfonditi.

Ti ringraziamo quindi per aver letto il nostro articolo sino a questo punto, augurandoci che ti sia stato effettivamente utile per poter comprendere tutti i dettagli necessari per la sostituzione di un rubinetto a manopola!